Home La Parrocchia

La Parrocchia

Cenni storici della Parrocchia

Sotto la spinta dell’abusivismo edilizio e della naturale immigrazione dal vicino capoluogo, verso la fine degli anni ’80, Arzano si trasformò, demograficamente, da piccolo borgo in una vera e propria cittadina.Oltre all’inadeguatezza dei servizi sociali, anche le strutture parrocchiali cittadine risultarono insufficienti rispetto alle esigenze di tutti gli abitanti. Il 9 gennaio 1988 il clero arzanese in una relazione scritta all’allora Arcivescovo di Napoli, Sua Em.za Michele Giordano, evidenziava la necessità di una più adeguata azione pastorale, maggiormente sensibile ai lontani e alla catechesi familiare, chiedeva la costituzione giuridica di nuove parrocchie nelle zone periferiche nonché la revisione dei confini parrocchiali, spostando il titolo e la sede della Ss.ma Annunziata dall’omonima congrega in uno stabile, donato dall’ing. Iuorio, situato nella zona Sette Re.
Il Cardinale approvò incondizionatamente il progetto e, espletate le procedure burocratiche, con decorrenza 1 novembre dello stesso anno, emanò i decreti di erezione di due nuove parrocchie, Cristo Redentore e S. Maria Assunta in cielo, e il trasferimento del titolo e della sede della parrocchie Ss.ma Annunziata nello stabile di via Parisi, sempre sotto la guida pastorale di don Luigi Rocco. Intanto la struttura, grazie all’alacrità di un gruppo di persone appartamenti alla viva comunità nata in quella zona, da scheletro informe si era trasformato in una semplice, ma accogliente e funzionale luogo di culto. Per la catechesi fu preso in locazione un grande locale nel parco adiacente e fu diviso rapidamente in quattro sale. L’attuale sagrestia e il vano antistante riservato all’accoglienza fungevano rispettivamente da ufficio del parroco e ufficio di segreteria con accesso dalla porta laterale, successivamente, soprattutto per motivi di sicurezza, furono trasferiti nei locali situati nel parco, dove si trovano ancora oggi.
Il 13 marzo 1989, Domenica delle Palme, a seguito delle richieste di alcuni parrocchiani la chiesa della Ss.ma Annunziata, con decreto dell’Arcivescovo, fù ripristinata come parrocchia, e si diede vita alla parrocchia dello Spirito Santo, i cui confini restarono immutati.
Il parroco, don Luigi Rocco, aveva optato per tale titolo perché convinto che la parrocchia è una comunità che, animata dallo Spirito Santo, espressione dell’amore trinitario, vive unita alla luce della Parola di Dio.
Col passare degli anni si è sempre più avvertita l’esigenza di avere più spazi per le varie attività ed un luogo di culto più grande per cui è nato un progetto per la costruzione di una nuova chiesa. Molti fedeli, preso coscienza di tale necessità, hanno contribuito, versando una quota mensile in base alle loro possibilità economiche e destina all’acquisto di un terreno antistante la parte laterale della chiesa.
Il 23 maggio 2008 don Luigi è tornato alla casa del Padre senza aver potuto realizzare questo progetto.
Dall’8 dicembre dello stesso anno il Cardinale Crescenzio Sepe ha affidato la guida pastorale della comunità dello Spirito Santo a don Fulvio D’Angelo che, con l’aiuto di Dio e superando innumerevoli ostacoli sta portando a termine il progetto per la costruzione della nuova "casa" parrocchiale.

Attachments:
Download this file (organigramma 1.pdf)Organigramma Parrocchiale[ ]